La Messa del Papa

«Il Sacrificio Divino è proprio il momento in cui
il Padre Eterno non può rifiutare nulla,
ed io lo utilizzo il meglio possibile»

® Postulazione Papa Pio XII • Il materiale fotografico pubblicato su questo sito con il logo della Postulazione è di proprietà della Postulazione Generale della Compagnia di Gesù, cui è affidata la Causa di Canonizzazione del Venerabile Pio XII. Gran parte del materiale è inedito, e proviene da album fotografici messi gentilmente a disposizione dal Museo dei Papi di Padova. Ogni riproduzione – o diverso impiego del materiale – senza autorizzazione è vietato. Per l’uso o altre informazioni, contattare info@papapioxii.it.

celebra messa di mezzanotte Natale 2014-11-01 19.20.56 copia car9 copiacar16 copia car21 copia 29 copia37 copia Schermata 11-2456969 alle 22.13.05 Schermata 11-2456969 alle 22.13.47Schermata 11-2456969 alle 22.16.51 Schermata 11-2456969 alle 22.17.47 Schermata 11-2456969 alle 22.19.02Schermata 11-2456969 alle 22.22.08 Schermata 11-2456969 alle 22.22.24 Schermata 11-2456969 alle 22.23.07Schermata 11-2456969 alle 22.23.22 Schermata 11-2456969 alle 22.23.45 Schermata 11-2456969 alle 22.24.01Schermata 11-2456969 alle 22.24.44 Schermata 11-2456969 alle 22.25.45 Schermata 11-2456969 alle 22.27.17

«Alle sette, Pio XII si dirige verso la cappella; si inginocchia sul grande inginocchiatoio, ove la sua figura appare ancora più slanciata, e si prepara al Sacrificio divino. Si dirige quindi all’altare e indossa i paramenti sacri. Egli pronuncia così chiaramente le preghiere di rito che ogni sillaba è facilmente comprensibile e al tempo stesso non è detta troppo forte da recare disturbo. Iniziano le preghiere dell’Introitus. Inchinato profondamente e mettendo in ogni parola la sua anima, egli recita mentalmente il Confiteor.
Quindi apre le braccia, solleva gli occhi e il volto verso il grande Crocefisso d’avorio particolarmente adatto a Pio XII. In medio Ecclesiae aperuit os eius: et implevit eum. L’Epistola, il Graduale, il Vangelo acquistavano, pronunciati dal Santo Padre, una speciale solennità. Sursum corda! Segue il Prefazio. Può questa essere recitata in maniera più bella e commovente? Quindi, un momento di silenzio.
Il Santo Padre ricorda tutti colore che si sono affidati a lui e contano sulla sua preghiera: prega per tutti i suoi figli sparsi nel vasto mondo. Un giorno gli chiesi perché il suo Memento durasse sempre tanto. Mi rispose: «Mi chiedono continuamente preghiere: il Sacrificio Divino è proprio il momento in cui il Padre Eterno non può rifiutare nulla, ed io lo utilizzo il meglio possibile».
La Messa si avvicina poi al punto culminante: pregando con serafico fervore e con grande passione, il Santo Padre pronuncia le parole della Consacrazione tanto piano, ma anche tanto scandite, tanto ardenti di fede e ricche di amore, che tutti i presenti sono come trascinati nel sacro prodigio. Dalla Croce, l’Eterno Sacerdote guarda il suo Vicario e gli accorda ciò che egli gli presenta con fervida preghiera. Di nuovo c’è una lunga pausa. Anche i cari defunti non sono dimenticati. La Santa Comunione è il momento dell’unione più intima con Colui che egli è chiamato a imitare e rappresentare in terra.
Quindi le braccia si aprono ancora una volta in un ampio abbraccio rivolto al Crocifisso e la benedizione del Vicario di Cristo scende non solo sui presenti, ma sul mondo intero».

[da Pascalina Lehnert, Pio XII. Il privilegio di servirlo]